27 novembre 2012 ALMANYA La mia famiglia va in Germania - Informitalia srl unipersonale Verbania ITALIA l'informatica al tuo servizio Studio di consulenza informatica

Il sito e' realizzato con caratteri ad alta leggibilita'
Vai ai contenuti

Menu principale:

27 novembre 2012 ALMANYA La mia famiglia va in Germania

EVENTI > STORICO RASSEGNE > METTI UNA SERA AL CINEMA 24
martedi 27 novembre 2012
ALMANYA LA MIA FAMIGLIA VA IN GERMANIA

ALMANYA La mia famiglia va in Germania

Trama del film Almanya - La mia famiglia va in Germania:
Protagonista del film è la famiglia Yilmaz, emigrata in Germania dalla Turchia negli anni 60 e giunta ormai alla terza generazione. Dopo una vita di sacrifici, il patriarca Hüseyin ha finalmente realizzato il sogno di comprare una casa in Turchia e ora vorrebbe farsi accompagnare fin lì da figli e nipoti per risistemarla. Malgrado lo scetticismo iniziale, la famiglia al completo si mette in viaggio e alle nuove avventure nella terra d’origine si intrecciano i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania (Almanya in turco), quando la nuova patria sembrava un posto assurdo in cui vivere. Lungo il tragitto, però, vengono a galla molti segreti del passato e del presente e tutta la famiglia si troverà ad affrontare la sfida più ardua: quella di restare unita.


GENERE: Commedia
REGIA: Yasemin Samdereli

SCENEGGIATURA: Yasemin Samdereli, Nesrin Samdereli
ATTORI:
Vedat Erincin, Fahri Ogün Yardim, Lilay Huser, Demet Gül, Aylin Tezel, Denis Moschitto, Petra Schmidt-Schaller, Rafael Koussouris, Aliya Artuc, lt Kaan Aydogdu

FOTOGRAFIA: lt Ngo the Chau
MONTAGGIO: Andrea Mertens
MUSICHE: lt Gerd Baumann
PRODUZIONE: Roxy Film (Andreas Richter, Ursula Woerner, Annie Brunner)
DISTRIBUZIONE: Teodora Film
PAESE: Germania 2011
DURATA: 97 Min
FORMATO: Colore 35mm – 2.35:1

        

Essere turchi in Germania tra memoria e sorriso


Dal riso al pianto   di Renato Volpone
Quanta emozione in questo racconto di una famiglia di origine turca che vive in Germania. Il film è raccontato dai diversi protagonisti, tutti, nessuno più importante di un altro, ognuno con la sua storia da raccontare, storie che si intrecciano, che si sovrappongono, che scompongono e ricompongono il tessuto di questa famiglia fatta di valori veri, antichi, ma fortemente radicati, a cominciare da quello dell'amore e del reciproco sostegno. Il nonno è emigrato in Germania portandosi poi appresso la famiglia, il contrasto è quello della vita in una  Turchia agricola con quello della Germania industrializzata, sempre con un tocco di ilarità in più che solleva il morale e fa divertire, ma poi, quando il racconto diventa più intimo, le lacrime si affacciano agli occhi. Un quadro, come quello animato in cui cadono le foglie a presagio di un triste autunno, un quadro di vita e di buoni sentimenti. Forse troppo edulcorato rispetto alla vita dell'emigrante, ma invita al rispetto e alla tolleranza perché chi si allontana dalla propria terra non lo fa a cuor leggero, ma spesso e quasi sempre per sopravvivenza. E' un film che educa, ottimo da proporre nelle scuole.


Torna ai contenuti | Torna al menu